SQUARE 17

SQUARE 17
TACCUINI di MEMORIE e POESIE in immagini e parole

MEMENTO VIVERE
Taccuino poetico-fotografico di Donatella D’Angelo  NOVITÀ

_FrontCOVER_Memento-Vivere-bassa
15 €uro – ISBN 978-88-940190-8-7
Square 17 – 3 – 128 pagine – 17 x 17 cm

LA PRIMA RACCOLTA POETICO-FOTOGRAFICA di Donatella D’Angelo
sull’AMORE E LA MORTALITÀ della CARNE
con 12 fotografie della serie Los respiros del Alma
in collaborazione con Josè Lasheras

Note di lettura di Luigi Cannillo e Lorenzo Gattoni
Nota critica di Giovanna Gammarota

Morte, vita e tempo sono le colonne portanti di Memento vivere. Questo taccuino di poesie, fotografie e memorie è l’esordio poetico dell’artista milanese Donatella D’Angelo.
Articolato in tre sezioni raccoglie i suoi scritti dal 2013 al 2016 e 12 fotografie della serie Los respiros del Alma, realizzate in collaborazione con il fotografo Josè Lasheras, che è scomparso nel 2014 ed è ispiratore, protagonista e in un certo senso destinatario della raccolta.

14107857_1144268812297916_1091691790543943632_o

Memento Vivere Los respiros del Alma#7 web (1)

© Los respiros del Alma#7 Donatella D’Angelo e Josè Lasheras 2013

Memento Vivere Los respiros del Alma#7 web (2)

© Los respiros del Alma#5 Donatella D’Angelo e Josè Lasheras 2013

Memento Vivere Los respiros del Alma#7 web (3)

© Los respiros del Alma#6 Donatella D’Angelo e Josè Lasheras 2013

«Il corpo poetico di D’Angelo si svolge, si dipana in una condizione di effi­cace equilibrio, proprio come i suoi corpi fotografici sembrano fluttuare negli spazi domestici in pose fisicamente improbabili ma poeticamente necessarie a collocare e a segnare una presenza. Le fotografie marcano questa presenza e allo stesso tempo scavano la sua assenza. Po­esie prive anche di finzioni, di nascondimenti, ove la parola si presenta nuda, esattamente come la nudità è essenza dell’immagine fotografica». Lorenzo Gattoni

Donatella D’Angelo (Milano 1966) lavora dagli anni ‘80 nel campo delle arti visive. E’ tra gli artisti selezionati per il secondo volume dell’antologia sull’autoscatto curata da Giorgio Bonomi in uscita nel 2016. Ha esposto in collettive e personali in Italia, America e Francia; è apparsa su varie pubblicazioni di settore. Sue opere sono parte dell’Archivio Nazionale dell’Autoritratto Fotografico del MUSINF di Senigallia e ha vinto il Primo Premio del “II Concorso Nazionale LABirintiFOTOgrafia 2015” con la serie Los respiros del Alma in collaborazione con Josè Lasheras. Alcuni dei suoi racconti e poesie sono apparsi su riviste e blog letterari e pubblicati in antologie.
Sito dell’artista  donatelladangelo.wix.com

Josè Lasheras (Madrid 1962 – Lanzarote 2014) studia fotografia al CEI (Centro de Estudios de la Imagen) di Madrid. Nel 1986 si trasferisce a Milano, dove inizia la sua attività come fotografo still life collaborando con alcune riviste di Conde Nast Italia e diverse agenzie di pubblicità. Nel 1989  volge il suo interesse anche al disegno e alla pittura. Nel 1996 si trasferisce a Londra. Sono usciti alcuni libri con le sue fotografie, tra cui Coiture Chocolate che vince numerosi premi. I suoi lavori di ricerca individuale sono stati esposti in mostre personali e collettive, pubblicati in volume e su riviste oltre che in Italia e UK, anche in altri Paesi.

Intervista a Donatella D’Angelo apparsa su inAsherah Art nel marzo 2015 , a cura di Christian Humouda.

DICONO DI MEMENTO VIVERE

Carteggi Letterari articolo di Antonio Devicienti
Doppiozero articolo di Silvia Mazzucchelli
Memento Vivere su Perigeion articolo di Nino Iacovella
Chronica Libri articolo di Giulio Gasperini
Margutte articolo di Silvia Pio
Magazzini Insesistenti
Pioggia Obliqua
Critica Impura


 

ON S’EST RECONNUS, PARIS  seconda edizione
Taccuino fotografico di Giuseppe Varchetta
con una narrazione di Nerina Garofalo

978-88-940190-0-1
con 84 istantanee parigine
120 pagine – 12 €uro – 17 x 17 cm. – ISBN 978-88-940190-0-1
Collana Square 17  Progetto grafico di G. Franceschi, G. Gavioli e L. Salvatore
In copertina: À bientôt (1 e 2), Parigi 1988. Fotografia di G. Varchetta

Nell’antica sala parigina per cinema e concerti, resa quasi deserta dai preparativi serali della vigilia di Natale, due uomini siedono in quinta fila. Uno dei due è un fotografo e ha con sé il suo portfolio con un centinaio di scatti analogici realizzato a Parigi nell’ ultimo trentennio. Quella sala, in cui si proietta Jules e Jim di Truffaut, è il pretesto di una storia per poesia e immagini, dentro le atmosfere parigine, vissute e immaginate. Una ragazzina curiosa attraverso le fotografie che scopre progressivamente, prova ad immaginare la propria vita futura e felice…

 

On s est reconnu paris riflesso

On s est reconnu paris 2

Giuseppe Varchetta, psicologo dell’organizzazione è stato professore presso l’Università di Milano-Bicocca. Fotografa “da sempre” coltivando alcuni temi d’elezione: la relazione utente-arte contemporanea, il paesaggio e l’arte urbani, il lavoro organizzativo, il ritratto “a mano”. Lavora esclusivamente in bianco e nero. Il suo sito è all’indirizzo: www.giuseppevarchetta.it.

Nerina Garofalo è una narrative thinker. Si occupa di formazione e consulenza alle imprese. Ha fondato e coordina il Laboratorio di scrittura short Ed e il network Indigos Project. Coordina progetti di scrittura partecipata, alcuni blog e matrici di sogno sociale.

DICONO DI ON S’EST RECONNUS, PARIS

Margutte.com articolo di Silvia Pio
Redazione di Libri nuovi in piazza articolo di Massimiliano Varnai
Chronica Libri articolo di Giulio Gasperini
Samgha articolo di Paride Leporace

Comments are closed.