Chi siamo

La casa editrice e l’Aperiodico Ad Apparizione Aleatoria

Le Edizioni del Foglio Clandestino nascono nel 2005 come sviluppo naturale dell’esperienza del Foglio Clandestino, “Aperiodico Ad Apparizione Aleatoria” che dal 1993 si occupa di poesia, narrativa breve e traduzione. Accanto alla passione per la letteratura è sempre stata forte la volontà di avvicinare, leggere e diffondere poeti e narratori inediti, riscoprire autori dimenticati, riportare la poesia verso i lettori, puntando sulla forza del testo.

Le edizioni si occupano oggi di poesia e narrativa breve, di traduzione di viaggi fotografici e taccuini di memorie e poesia. Nelle nostre pubblicazioni sono apparsi testi in ceco, finlandese, americano, francese, inglese oltre ad una piccola sezione di opere poetiche in dialetto.  Il 31 dicembre 2015 con il volume Doppia esposizione. Berlin 1985-2015  è stata avviata la nuova collana Gleis 13, di cui faranno parte opere in cui il testo narrativo e saggistico dialoga con la ricca documentazione fotografica. Anticipata dall’ esperimento del taccuino fotografico On s’est reconnus, Paris, uscito nel 2014 e ripubblicato nel 2016, la nuova collana Square 17 sarà dedicata ai taccuini di memorie e poesie in immagini e parole.

La pubblicazione è su invito, seguendo la ricerca e segnalazione dei nostri diversi collaboratori. Nessun impegno economico per la stampa viene richiesto agli autori selezionati. La scelta tipografica si è orientata verso le carte ecologiche e riciclate appoggiando da sempre la campagna ‘Scrittori per le foreste’ di Greenpeace.
In ogni caso valutiamo preliminarmente anche i testi proposti spontaneamente dagli autori, offrendo a tutti una risposta.
Possiamo anche affiancare gli autori in un progetto autonomo, e serio, al fine di concretizzare in una pubblicazione la loro idea di libro, con una consulenza mirata e di comprovata esperienza professionale.

Il nostro progetto editoriale nasce dall’idea di un’editoria di margine, di ricerca senza confini, quindi legata al linguaggio poetico e narrativo che si offre o che si deve inventare con le traduzioni, affinché divenga fruibile e conduca sempre a nuovi dialoghi con gli autori, i lettori, i traduttori, ecc. il tutto nello spirito della condivisione e della sinergia.

logo-edilfoglio2

Il nostro logo, un diavoletto stampatore deciso e sorridente, ben si adatta a chi come noi considera la letteratura anche attraverso l’aspetto dell’ironia, a coloro che agiscono nel lavoro editoriale, con serietà e cura, ma senza mai prendersi troppo sul serio…

Il responsabile editoriale, lettore e camminatore attento, preferisce sentieri e libri poco battuti, al di fuori delle rotte commerciali e dei traffici consueti. Legge e condivide (anche attraverso il gruppo di lettura e condivisione Lo Scaffale Capovolto) scoperte che riguardano la poesia, il racconto, le biografie artistiche, l’aforisma. Insomma, ovunque si esplichi e si dispieghi un linguaggio malioso e sfaccettato; facilmente lo sguardo si alterna tra le pagine e i volti.

 10988441_814375475265277_2345295121857151753_n
ASCOLTA L’INTERVISTA SU RADIO BLABLANETWORK  CaffèLetteradio condotto da Francesca Scherini

 

14183872_1065633940185551_7377396623321362725_nLeggi l’intervista all’editore su Limina Mundi a cura di Loredana Semantica 

 

 

I collaboratori la redazione si avvale della collaborazione di alcuni esperti di settore che si occupano della selezione delle opere in visione.

Massimo Barbaro è nato a Taranto nel 1962. Ha iniziato a pubblicare dalla metà degli anni ’80 poesie e testi su riviste, due raccolte di poesia (Il silenzio interrotto, Firenze, 1989; Nei giardini degli scettici, per le nostre edizioni, 2009). È presente in alcune antologie. Gestisce il blog System-Error. Apofatie, aplografie… (www.system-error.splinder.com). Come traduttore ed editor si è occupato di scienze cognitive, di meditazione di tradizione tibetana e di Zen giapponese. È consulente legale e counselor relazionale di approccio Mindfulness. Conduce Laboratori di scrittura e ascolto del corpo.

Sergio Lagrotteria è nato a Sesto San Giovanni, dove tuttora vive e lavora. È laureato in Lettere Moderne con una tesi sull’estetica sensistica e il suo influsso sul pensiero poetico e filosofico di Giacomo Leopardi. Si interessa, in prevalenza, di poesia e delle intersezioni tra le varie discipline artistiche.

Marco Albé è nato a Legnano nel 1964 e vive a Sesto San Giovanni (MI). Ha studiato filosofia e matematica. Si interessa di letterature e culture orientali, in particolare per quanto riguarda gli aspetti linguistici.

Donatella D’Angelo  fotografa, grafica freelance e illustratrice nata a Milano, lavora dagli anni ‘80 nel campo delle arti visive. Ha intrapreso un lavoro di ricerca fotografica personale e autobiografica che ha come soggetto principale il “corpo e l’identità”. Fa parte degli artisti selezionati per il secondo volume dell’antologia sull’ autoscatto curata da Giorgio Bonomi in uscita nel 2016. Ha esposto in collettive e personali, in Italia e all’estero ed è apparsa su varie pubblicazioni cartacee e on line. Ha vinto il primo premio del secondo concorso nazionale LABirintiFOTOgrafia 2015.

Pierfrancesco Modesti (alias Reip Elmod) è nato a Roma il 21 gennaio 1984. Autodidatta, risiede a Sesto San Giovanni dal 2009 e si occupa di differenti forme d’arte come illustratore, pittore, fotografo e performer. Ha partecipato al progetto ‘Made in Mage’ col gruppo Imana dal 2012 al 2014.

I traduttori, le attuali pubblicazioni hanno riguardato le lingue: ceca, francese, inglese e americana, russa, spagnola, finlandese.

Comments are closed.