RACCONTI

Renato M. Fondi

978-88-905434-1-8
266 pagine – 15 €uro – 14 x 22 cm. – ISBN 978-88-905434-1-8
A cura di G. Gavioli, note di A. Robbins e F. Romanò. In copertina Textile elaborazione di G. Franceschi da W. Morris. In esaurimento

52 racconti che entrano in questo libro, ci portano dentro un laboratorio aperto. Alcune linee di fondo emergono chiaramente: la vena ironica dell’autore e il suo amore per la natura che traspare persino dai titoli di alcuni racconti: Il Respiro dell’OceanoQuei grandi fiori bianchi e molti altri. L’inquietudine e la malinconia che a voltesi esprime in forme che tendono più all’assurdo, come ne Il Muro, altrove in modi più tenui e sconfinanti nel grottesco. L’obiettivo della scrittura narrativa di Renato Fondi è quello di divertire il suo lettore. L’autore lo fa con un meccanismo classico nascondendo nel racconto qualche segreto fatto o astrusa idea sin quasi alla conclusione; ci intriga, stuzzica la nostra curiosità, stimola la meravigliapersino. Il lettore si conceda un racconto di questi 52 ogni settimana per un anno, assaporando i misteri, le sorprese e…la malinconia. (Dalle note di F. Romanò e A. Robbins).

Renato M. Fondi (Milano, 1944-2010) è stato senz’altro un uomo poliedrico. Figlio del pittore e incisore Mauro Fondi (1913-1988). Laureato in fisica, ha mantenuto l’interesse nella scienza per tutta la vita; ha insegnato matematica e ha lavorato per diverse aziende nell’area informatica. Appassionato di fotografia, amante della montagna, ma non in senso atletico: fotografava i paesaggi e i fiori. Anche di questi aveva una conoscenza approfondita: collaborava con il ‘Forum dei fiori’ per l’identificazione delle specie. Organizzatore e moderatore sempre intelligente di un ‘Caffè letterario’ era anche scrittore, come suo nonno Renato. Soprattutto di racconti.